IN EVIDENZA

ARCHIVIO

Ricerca In Evidenza

Inserire la data nel formato gg/mm/aaaa
Inserire la data nel formato gg/mm/aaaa

Gli effetti della correzione dell'Imu


Secondo il Sole24Ore la correzione dell'Imu, contenuta nel decreto correttivo sul fisco municipale approvato in prima lettura dal governo, porterà più soldi agli inquilini e meno ai proprietari degli immobili. Gli autori dell'articolo, sul quotidiano del 2 novembre, spiegano : “La mossa nasce per correggere il difetto d'origine del primo decreto legislativo, che non collegava il voto al pagamento delle tasse, senza rimettere in discussione il tabù della neutralità fiscale dell'abitazione principale; il do ut des, però, sana anche non pochi vizi genetici dell'Imu, a partire dai rincari che il nuovo tributo avrebbe imposto a imprese e commercianti”.
Con il nuovo decreto, dunque, si “divide il fisco municipale in due tronconi: quello dell'Imu che arruola gli stessi proprietari coinvolti oggi dall'Ici, la cui entrata in vigore è stata anticipata al 2013, e quello della Res che impatta su chi occupa gli immobili a qualsiasi titolo."
Il riequilibrio comporta una novità riguardo alla riduzione dell’aliquota di riferimento dell'Imu dal 7,6 al 6,6 per mille, che assorbe anche l'Irpef redditi fondiari, pareggiando il conto per le persone fisiche ma non per le persone soggette a Ires. Per quest’ultimi è prevista la possibilità da parte dei Comuni di dimezzare l'aliquota destinata agli immobili non produttivi di reddito Irpef, il  correttivo, attenua decisamente il problema, perché il nuovo livello si attesta solo al 3,1% in più rispetto a quello medio attuale, e non dovrebbe essere troppo difficile per molti sindaci introdurre un'agevolazione in grado di far pareggiare i conti del prelievo "federalista" con quelli della vecchia Ici.
La novità, ovviamente, migliora i conti anche per i proprietari di seconde case, ma per loro lo sconto sarà compensato dalla nuova Res sui servizi indivisibili. In pratica, il fisco nuova versione mantiene gli sconti previsti dall'Imu originaria, attenuati in modo proporzionale alle dimensioni dell'abitazione principale.



 A cura di : Dipartimento delle Finanze