IN EVIDENZA

ARCHIVIO

Ricerca In Evidenza

Inserire la data nel formato gg/mm/aaaa
Inserire la data nel formato gg/mm/aaaa

Un'imposta di nome Res


Francesco Cerisano, giornalista di ItaliaOggi, ha pubblicato un articolo nel quale viene descritta la nuova imposta "Res" , prevista dalla bozza di decreto legislativo approvato lunedì scorso dal Consiglio dei Ministri. Il nuovo tributo comunale, secondo le indicazioni del Ministro Roberto Calderoli, tasserà i rifiuti e i servizi indivisibili (illuminazione, manutenzione, pulizia delle strade, sicurezza) resi dal Comune.

La componente relativa ai rifiuti dovrà essere pagata da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o anche aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti. Nella sua seconda componente, relativa ai servizi, la nuova imposta avrà come presupposto l'occupazione, a qualsiasi titolo (quindi non solo proprietà ma anche locazione, uso, usufrutto ecc.) di immobili ad uso abitativo (classificati alle categorie catastali da A1 a A9) da parte di soggetti anagraficamente residenti nel territorio del comune. Questa quota della nuova service tax sarà dovuta da tutte le persone fisiche maggiorenni residenti nel territorio del Comune che occupano fabbricati.

 



 A cura di : Dipartimento delle finanze